READING

Differenze tra creme cosmetiche bio e tradizionali...

Differenze tra creme cosmetiche bio e tradizionali: l’importanza di scegliere bene

Sapete che il consumo di cosmetici, nell’ultimo anno, è aumentato dell’11% sia che si tratti di cosmetici tradizionali che di creme cosmetiche bio?
Nonostante la crisi economica a quanto pare non rinunciamo facilmente all’acquisto e di conseguenza all’utilizzo di creme e di trattamenti estetici.
Io e Noemi Milieri, la nostra beauty&fashion writer abbiamo pensato, tenuto conto del grande interesse con cui avete letto il nostro precedente articolo dedicato all’INCI di darvi alcune dritte per scegliere al meglio.
Ecco secondo noi quindi, quelli che sono alcuni consigli utili per non sbagliare e sprecare soldi quando compriamo i cosmetici.

• Come scegliere al meglio un prodotto cosmetico? 
Se vogliamo fare davvero la scelta migliore per noi, dovremmo orientarci verso la nuova frontiera della cosmesi, un nuovo concetto, ovvero quello della ECODERMOCOMPATIBILITA’.
Sapete di cosa si tratta?
Questa caratteristica, nonché grande valore aggiunto indica la sostenibilità e il rispetto che un certo prodotto cosmetico ha per la pelle e per l’ambiente.
Stiamo parlando quindi di creme cosmetiche bio o naturali, ricche di oli vegetali o principi attivi derivanti da erbe, frutta, e alghe che devono essere presenti nell’INCI in maggiore quantità.

• Cosmetico caro è sinonimo di qualità? 
Fate attenzione a come scegliete i vostri acquisti perché nel mondo dei cosmetici non sempre  spendere di più significa fare la scelta migliore.
Spesso dietroo il prezzo si nascondono strategie di marketing, pubblicità e packaging.
È essenziale quindi saper leggere l’INCI: se all’interno troviamo siliconi, parabeni e poche sostanze funzionali alla pelle ricordiamoci che non abbiamo a che fare con un prodotto efficace e di buona qualità.

• Cosa dobbiamo evitare? 
All’interno di un prodotto di cosmesi tradizionale possiamo trovare siliconi, parabeni, petrolati tutte sostanze che a lungo andare danneggiano l’epidermide.
Nelle creme cosmetiche bio e più in generale in tutti i cosmetici bio, la maggior parte delle sostanze sono di origine naturale anche i conservanti, essenziali per evitare la proliferazione dei microorganismi, primi tra tutti il tocoferolo.
Per questo motivo i cosmetici bio hanno una scadenza inferiore a trenta mesi.
Anche in questo caso deduciamo facilmente che occorre sempre controllare in che posizione sono posti gli ingredienti all’interno dell’INCI.

• Cosa differenzia le creme cosmetiche bio dalle tradizionali? 
Oltre ad avere una scandenza ravvicinata, le creme e tutti i cosmetici bio si presentano con profumazioni più delicate data l’assenza di alcohol all’interno e  hanno la scorrevolezza meno facile data l’assenza dei siliconi.
Tuttavia sono molto più efficaci e presentano numerose certificazioni di qualità.

• Cosa fanno gli ingredienti dannosi? 
Alcune creme tradizionali lasciano la nostra pelle morbida e setosa ma l’effetto non dura a lungo.
I siliconi creano una barriera, una sorta di film sulla pelle, che non lascia traspirare e occlude i pori portando quindi ad arrossamenti, acne ed eczemi.
Se come primo ingrediente di un olio o una crema trovate PARAFFINUM LIQUIDUM posatela immediatamente ammesso che non vogliate tanti punti neri sul vostro viso.
Un altro componente molto utilizzato è la GLICERINA, essa è una molecola organica che presenta 3 gruppi idrossilici -0H avidi di acqua perciò se viene utilizzata in ambiente secco preleverà l’acqua dalla nostra pelle portando a una notevole disidratazione.
Se invece usata in ambiente umido, in piccole quantità, può aiutare.
Un altro componente dannoso è l’ALLUMINIUM CHLOROHYDALE contenuto nei deodoranti, a lungo andare può essere tossico per il sistema nervoso.

• Come fare la scelta giusta? 
Ovviamente come sempre accade (ed è giusto così) c’è un po’ di tutto: c’è chi è attratto dalle profumazioni, chi dal packaging, chi dal prezzo alto oppure c’è chi si crea addirittura i prodotti in casa.
Io e Cristina crediamo che la cosa più importante sia l’informazione, sapere cosa si sta acquistando e cosa spalmiamo sul nostro viso/corpo.
Utile poi dove possibile conoscere la serietà dell’azienda e la sua provenienza.

Concordo totalmente con il pensiero di Noemi: non solo nel cibo ma ovunque e qualsiasi cosa stiamo facendo “una scelta consapevole è sempre la migliore delle scelte”.

Vi aspettiamo il prossimo venerdì con un altro articolo della nostra Rubrica Beauty&Fashion e vi ricordiamo che se avete domande o se volete suggerirci degli argomenti su cui vorreste un approfondimento vi  basterà segnalarceli contattandoci qui dalla pagina Contatti del blog oppure in direct di Instagram dove vi risponderemo in tempo reale.


RELATED POST

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INSTAGRAM
Seguimi su Instagram