Amaro Toccasana e le sue mille combinazioni

Immagine: Amaro Toccasana e le sue mille combinazioni

Ogni tanto voi bevete gli amari? Cosa ne pensate?
Di recente ho avuto l’opportunità di assaggiare l’amaro Toccasana, un amaro a base di ben 37 componenti tra erbe, fiori, bacche e radici sia coltivate che selvatiche.
L’amaro Toccasana è un amaro tutto piemontese, viene infatti prodotto nelle Langhe ed è conosciuto da tutti come l’amaro leggero per tradizione.

Sicuramente leggero lo è ma è anche pieno di carattere e ha un sapore deciso e pungente…insomma ha tutti i requisiti per essere definito un ottimo amaro: non è troppo dolce, non è eccessivo, non è di quelli particolarmente “sciropposi” e non annoia mai…in effetti devo fare attenzione perché mi hanno regalato una bottiglia e si beve con grande facilità.

amaro-toccasana-teodoro-negro-collaborazioni-3-contemporaneo-food

La “magica ricetta”

Ovviamente non è dato sapere quale sia la ricetta effettiva…ed è più che giusto cosi…però dell’amaro Toccasana si sa che è preparato attraverso una macerazione fredda di ben 37 elementi tra fiori, radici e bacche e che raggiunge circa i 21°.
Nel berlo se abbiamo un palato allenato possiamo gustare tra gli altri il sapore dell’assenzio romano, del basilico, della camomilla, della genziana, della menta e del rabarbaro.
Io posso solo dire che ho iniziato ad apprezzarlo fin dal primo assaggio avvenuto al Jazz Club di Torino a Dicembre in occasione di un evento, il primo di tanti che seguiranno, in cui si è voluto rinanciare il prodotto in veste più moderna e spumeggiante.

Mille e più combinazioni

Non a caso prima ho utilizzato il termine “spumeggiante”: al di là della bellissima e piacevole occasione per assaggiare in compagnia l’amaro ho potuto constatare di persona che questo “piacevolissimo e adorabile intruglio di erbepuò essere declinato in mille modi: come aperitivo, come digestivo e abbinato ad altri liquori per dar vita a cocktail beverini e intriganti.
Il barman Stefano Armiento infatti, ha dato vita a mix eleganti e complessi che senza alcun dubbio vi stupirebbero un bel po’…tutti leggibili nel mini libro creato per l’occasione dove si parla di chi è stato Teodoro Negro, della sua storia, dell’evoluzione dell’amaro, delle sue componenti e appunto, dei vari cocktail preparati ad hoc.

amaro-toccasana-teodoro-negro-collaborazioni-3-contemporaneo-food

Vi state chiedendo dove potete acquistarlo?
Sicuramente in numerosi punti vendita di Piemonte, Lombardia e Liguria ma anche in assoluta comodità via internet sul loro sito…semplicissimo no?

Io ve lo consiglio davvero: la mia versione preferita è liscio senza alcuna aggiunta ma vi ricordo che potrete utilizzarlo per cocktail e  long drink originali o inventati, perché no, da voi sul momento.
Buon assaggio!

 

tag

Trova la tua ricetta

iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla Newsletter per avere consigli, ricette inedite e per rimanere aggiornata su novità e servizi

image