Pedicure Evoluta

Per l’appuntamento di questo venerdì con la rubrica di Beauty & Fashion Noemi la nostra beauty writer preferita, ha deciso di parlarci di un argomento un po’ nuovo e che forse non tutte conosciamo (io per prima non sapevo nulla prima che mi proponesse questo articolo): pedicure evoluta.
Mai provata?
Sapete di cosa si tratta e di come si differenzia dalla pedicure comune?
Se la scorsa volta parlando della bava di lumaca in cosmesi  entrambe abbiamo approfondito il discorso e contribuito alla stesura del post, questa volta, lascio parlare Noemi, a pieno titolo, dato che al centro estetico dove lavora tutti i giorni, è proprio lei a curare i piedi delle sue clienti con tanta passione per il suo lavoro.
Ecco quindi cosa ci racconta di questo nuovo trattamento per la cura dei nostri piedi, la pedicure evoluta.

Pedicure Evoluta

Oggi parliamo di un modo rivoluzionario di fare la pedicure.
Se andiamo in un centro estetico per prenderci cura dei nostri piedi, ormai siamo abituate a mettere i piedi a bagno.
In realtà questa modalità di pulizia del piede non è completamente igienica: l’acqua, infatti,  è un vettore, perciò se abbiamo funghi o altro, finiamo per trasmetterli alle dita e al piede.
Se gli strumenti di lavoro non sono completamente sterilizzati si rischia di trasmettere infezioni alle clienti: per questo motivo, negli ultimi anni, in estetica, sta cambiando il modo di trattare il piede durante la pedicure.
Si sfrutta l’utilizzo di una fresa con un micromotore con varie punte da inserire: queste punte, insieme agli strumenti vengono sterilizzate in autoclave.
Dopo qualche minuto negli ultrasuoni, vengono imbustate e inserite nel macchinario: la fresa possiede un foro, posizionato vicino a quello delle punte, da cui esce il disinfettante.
Così facendo tutto ciò che viene utilizzato dall’operatrice è sterile al 100%.
Per quanto riguarda il procedimento, le callosità vengono fatte ammorbidire tramite degli impacchi con appositi prodotti e dopo un tempo di posa si può andare a trattare il piede con la giusta punta.
Ovviamente l’utilizzo delle punte può variare a seconda del caso: ci sono punte a grana più grossa per levigare l’ipercheratosi, cioè l’ispessimento della pelle, frese a pallina dentellate o più lisce per scavare…dipende da cosa necessita la cliente.
Ci sono poi tutte le frese per le unghie, per assottigliarle, lucidarle, pulire i valli ungueali in modo da non fare incarnire le stesse.
I tilomi o calli sono circoscritti e hanno un nucleo centrale mentre i duroni sono dovuti allo sfregamento prolungato e sono più estesi.
L’Heloma o occhio di pernice è un callo molle, interdigitale senza nucleo.
Insomma…per ogni tipo di problema esistono vari tipi di frese, non solo di forma e con funzioni differenti ma anche in materiali diversi: in acciaio inox, carburo, diamantate, abrasive e lucidanti.
Dopo aver eseguito questo tipo di pedicure, che aiuta il piede a stare meglio, la cliente può decidere se mettere uno smalto, il semipermanente o in caso di unghie rotte fare la ricostruzione con un gel.
Attenzione se abbiamo un’ unghia con onicomicosi: esistono in commercio gel antimicotici altrimenti è sempre meglio non trattare la parte ma curarla con appositi dispositivi disinfettanti, quali oli, spray o creme.
Alla fine del trattamento ecco un meritato massaggio miofasciale per defaticate e decontratturare il piede.
Si tratta di un massaggio lento e pronfondo che va ad agire sul liquido interstiziale, cioè sul lubrificante dei muscoli, migliora la circolazione e il flusso venoso e linfatico, diminuisce il dolore, scioglie le rigidità: l’ideale sarebbero almeno 30 minuti di massaggio.
Io vi consiglio vivamente di provare questo tipo di pedicure evoluta, perché è innovativa e performante: la trovate solo nei centri specializzati e all’avanguardia. Anche il piede ha la sua importanza perché sostiene il corpo tutto il giorno: prendiamoci cura anche di lui!


Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INSTAGRAM
Seguimi su Instagram