READING

Torta di uva fragola all’olio extravergine d...

Torta di uva fragola all’olio extravergine di oliva

E come ogni venerdì ecco un dolce pensato per il fine settimana alle porte: torta di uva fragola all’olio extravergine di oliva.

E’ la seconda ricetta che vi propongo con l’uva fragola, la prima è stata la torta all’uva fragola, pere e rosmarino con lo zucchero a velo aromatizzato al rosmarino.

Se devo dirvela proprio tutta non sono una grande amante dei dolci con l’uva, bianca o nera che sia…però queste due ricette secondo me vale assolutamente la pena provarle perché sono davvero deliziose per quanto parecchio differenti in consistenza e sapore.

torta-con-uva-fragola-e-olio-extravergine-oliva-contemporaneo-food

 

Nella torta all’uva fragola di oggi la protagonista assoluta è proprio l’uva…voi direte…certo è una torta all’uva! 😀

Si…avete ragione ma…per la consistenza dell’impasto e per la generosa quantità di uva fragola contenuta nella torta lei, l’uva fragola, viene esaltata più che mai, regalando al nostro dolce un freschissimo profumo quasi di fragoline di bosco e un sapore delicato e allo stesso tempo intenso e inebriante…veramente goloso.

Di sicuro…io non mi fermo alla prima fetta (nemmeno se è grandina…).

torta-con-uva-fragola-e-olio-extravergine-oliva-contemporaneo-food

Un altro grande protagonista della nostra torta di uva fragola è l’olio extra vergine di oliva.

La sua presenza si rende subito evidente sin dal primo assaggio: consistenza compatta, morbida e leggermente “gommosa”, tipica delle torte all’olio.

Potrebbe sembrare un’accezione negativa ma vi assicuro che non lo è: soprattutto in questa ricetta una base leggermente compatta ma sempre morbida è proprio quello che serve per compensare l’umidità e la forte presenza degli acini di uva.

torta-con-uva-fragola-e-olio-extravergine-oliva-contemporaneo-food

Questa volta ho preparato la torta di uva fragola con olio extra vergine di oliva utilizzando la farina autolievitante che solitamente non uso.

La mia scelta è data dal fatto che volevo accontentare quelle che tra di voi hanno poco tempo, non sono super appassionate di cucina ma vogliono comunque cimentarsi e preparare qualcosa di buono.

Spesso sento dire che la farina autolievitante è comoda perché è veloce e non c’è bisogno di avere nella dispensa anche il lievito per dolci: io non sposo questa idea (il mio mestiere un po’ me lo impedisce…) ma sicuramente questo tipo di prodotto può andare bene e se per molte è pratico…ben venga…purché vi venga voglia di cimentarvi con la nostra deliziosa tortina (facile facile).

torta-con-uva-fragola-e-olio-extravergine-oliva-contemporaneo-food

Se al contrario doveste essere amanti delle farine alternative vi dico che oltre alla comune farina 00, per realizzare questa torta di uva fragola si può utilizzare la farina di farro o perché no dei mix (da equilibrare a piacere) con farina di mais o addirittura con farina di riso…a voi la scelta.

Un consiglio?

I mix migliori potrebbero essere:

solo farina di farro

2/3 farina 00 1/3 farina di mais

2/3 farina 00 1/3 farina di riso

torta-con-uva-fragola-e-olio-extravergine-oliva-contemporaneo-food

Vi lascio alla ricetta…credo che possa soddisfare un po’ tutti i gusti e le filosofie di pensiero.

Buona torta e buon fine settimana a tutti. Io vi aspetto sabato con il riassunto delle ricette che ho proposto durante la settimana su Bigodino.it e lunedi con un’altra ricetta che funziona, semplice e veloce per chi non ha tempo di cucinare ma ha piacere di mangiare non “le solite cose”.

Che la creatività sia con voi!

torta-con-uva-fragola-e-olio-extravergine-oliva-contemporaneo-food

4.3 from 3 reviews
Torta di uva fragola all'olio extravergine di oliva
 
Autore:
Tipo: Torta alla frutta
Cucina: Contemporaneo Food
Persone: 8
Tempo di preparazione:
Tempo di cottura:
Tempo totale di preparazione:
 
Ingredienti
  • 300 g di farina autolievitante
  • 120 g di zucchero di canna
  • 200 ml latte intero
  • 8 cucchiai di olio evo
  • 1 uovo
  • 500 g di chicchi di uva fragola
  • un pizzico di sale
  • q.b. zucchero a velo
Istruzioni
  1. Per prima cosa accendere il forno a 180°.
  2. Lavare e asciugare accuratamente gli acini di uva fragola e lasciare da parte.
  3. Lavorare insieme, per alcuni minuti, l'uovo con 80 gr zucchero di canna e l'olio evo.
  4. Aggiungere poi in due-tre riprese la farina con il pizzico di sale. Alternare con il latte.
  5. Lavorare il composto sino a quando non risulti perfettamente omogeneo.
  6. Aggiungere parte degli acini di uva e lavorare ancora un po'.
  7. Coprire una tortiera con la carta da forno e versarvi l'impasto.
  8. Sulla superficie sistemare, premendo un po', i restanti acini di uva in modo che sia tutto ben coperto di frutta.
  9. Cospargere con lo zucchero di canna rimasto e infornare per 30 minuti.
  10. Servire fredda con un po' di zucchero a velo.
  11. Dopo il primo giorno conservare in frigorifero perché la frutta potrebbe fermentare. Si consiglia quindi di servire successivamente le fette di torta scaldandole un attimo al microonde o per lo meno a temperatura ambiente.

 


RELATED POST

  1. Andrea

    21 Settembre

    Ottima!!!nn solo come idea….ma perché l’ho potuta assaggiare “in diretta!”

    • Cristina Saglietti

      22 Settembre

      Guarda chi c’è! Ciao, benvenuto da queste parti.
      Sono molto contenta che ti sia piaciuta la mia tortina…spero che apprezzerai anche la prossima merenda.
      E’ questione di giorni…però poi non mi dire che ti faccio ingrassare perché non è valido! 😀

  2. […] gli ultimi frutti di stagione o con la prima frutta tipica dell’inizio d’autunno: fichi, uva fragola e […]

  3. Maria Teresa

    26 Ottobre

    Buonissima. Ho usato due parti di farina 00 e una parte farina di riso integrale. Al posto del lievito cremor tartaro, e latte di riso.
    L’unico neo i semini dell’uva…….. Bravaaaaa

    • Cristina Saglietti

      27 Ottobre

      Ciao Maria Teresa,
      ben trovata sul blog e grazie per aver lasciato il tuo commento.
      Sono molto contenta che tu abbia provato la ricetta e che ti sia piaciuta: ottimo per gli ingredienti che hai utilizzato!
      Per quanto riguarda i semini…ehhhh 😀 li non ci si può proprio far nulla…o si è pronti ad affrontare il cric-croc sotto i denti o nulla…l’uva fragola è tremenda! 😀 😀 😀
      Un saluto affettuoso.
      Cristina

  4. Tullia

    1 Ottobre

    Ciao,la torta è in forno e spero venga buona e bella come sembra dalle foto. Io la farina autolievitante non la uso e mi sono basata a occhio per il lievito…potresti darmi la dose giusta (così se la rifaccio non ho l’ansia da lievitazione)! Grazie!!!!

    • Cristina Saglietti

      2 Ottobre

      Ciao Tullia, solitamente nemmeno io utilizzo la farina autolievitante ma in particolare proprio questa torta è frutto di una richiesta specifica di una nostra lettrice. Per questo genere di dolce è sufficiente mezza bustina di lievito per torte.
      Sicura che anche la tua torta sia venuta benissimo ti ringrazio di essere passata da queste parti…ti ricordo che se avessi bisogno in futuro di qualsiasi genere di consiglio sono a disposizione. Puoi contattarmi qui, direttamente dalla pagina Contatti del blog o su qualsiasi canale social.
      Buon proseguimento 😀
      Cristina

  5. agnes

    6 Ottobre

    ciao!! fatta stamattina la torta e devo dire che è venuta stra buona!!!ho usato xro farina 00 e di riso , e lievito! la rifaccio sicuramente.
    grazie!

    • Cristina Saglietti

      9 Ottobre

      Ciao 😀
      Sono contenta che la torta sia venuta bene…ottimo!
      Bene anche per la scelta delle farine.
      Alla prossima…ti mando un saluto affettuoso.
      Cristina

  6. Patrizia

    6 Ottobre

    Per gustarla al meglio consiglio di tagliare gli acini a metà e togliere i semini! È un lavoro un po’ più lungo ma ne vale la pena!

    • Cristina Saglietti

      9 Ottobre

      Ciao Patrizia,
      ehhhh…la questione semini non ha una risoluzione definitiva e ottima sempre.
      Non toglierli significa sopportare i semini dell’uva all’interno della torta…sicuramente non è il massimo.
      Tagliare gli acini a metà per eliminarli da subito, può essere una buona risoluzione che però cambia leggermente le caratteristiche della torta, dato che gli acini cosi facendo perdono un po’ della loro consistenza e del loro succo all’interno della torta.
      Non cambia moltissimo…ma non è la stessa cosa.
      Hai fatto bene però a ricordarlo cosi si può sempre optare per quella che si ritiene la soluzione migliore.
      Grazie per aver provato una mia ricetta e per aver lasciato un commento.
      Alla prossima.
      Un saluto affettuoso.
      Cristina

  7. giuliano

    19 Ottobre

    in forno…..l’aspetto e il profumo sono du buon auspicio.

    • Cristina Saglietti

      22 Ottobre

      Ciao Giuliano 😀
      Allora…come è andata con la torta? Era buona come il profumino che usciva dal forno?
      Grazie per aver provato una delle mie ricette.
      Un saluto affettuoso.
      Cristina

      • giuliano

        11 Novembre

        scusa il ritardo…ottima la torta. Oggi ho sostituito uva fragola con mele bianche. in forno adesso…

        • Cristina Saglietti

          13 Novembre

          Ciao Giuliano,
          sono molto contenta che la torta sia venuta bene e che ti sia piaciuta…molto molto bene 😀
          Ottima la scelta delle mele bianche…allora non mi resta che aspettare di sapere come sia venuta quest’ultima…magari poi ti rubo la ricetta 😀
          Grazie ancora per venirmi a trovare sul blog.
          Buona giornata
          Cristina

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

By using this form you agree with the storage and handling of your data by this website.

Vota la ricetta:  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

INSTAGRAM
Seguimi su Instagram