READING

Chia pudding con latte di mandorla e melograno

Chia pudding con latte di mandorla e melograno

Dopo i ricchi pasti del periodo natalizio, a prescindere dalla nostra forma fisica, una buona decisione, per i prossimi mesi invernali, credo sia quella di seguire una alimentazione sana ed equilibrata, in grado di farci sentire bene, con la giusta energia e senza sensi di pesantezza fastidiosi.
Oggi è giovedì e quindi come da tradizione, giorno di dolce per Contemporaneo Food: non voglio quindi disattendere le aspettative ma ho deciso di proporre un buon compromesso tra dolce goloso e appagante e un dessert leggero che non sia invasivo se per caso, stiamo cercando di perdere qualche chilo tornando in forma.
Chia pudding con latte di mandorla e melograno.
I semi di Chia possono essere utili alleati per il nostro benessere generale, il latte di mandorla ci permette di fare una scelta di base optando o per la sua versione più salutare e light, se utilizziamo la bevanda alla mandorla senza zucchero (sacrificando l’intensità del sapore del dolcino) o il latte di mandorla della Condorelli, una vera delizia in tutti i sensi.
Per finire, per questo dessert sfizioso utilizziamo i chicchi di melograno, succosissimi, freschi e toccasana di stagione per la salute.
Per il melograno si può ovviamente acquistare il frutto intero ricavandone con un minimo di pazienza i succosi chicchi oppure si possono acquistare i chicchi già pronti nelle confezioni “da passeggio” che ci permettono di mangiare porzioni di frutta ovunque siamo in comodità.
Va da se che consiglio l’acquisto del frutto fresco, dicendoti che basta aprirlo e ricavarne i chicchi mettendosi nel lavandino in modo da evitare di schizzare di rosso tutta la cucina…un bel grembiulino davanti e il gioco in pochi minuti è fatto.
Una passata di acqua del rubinetto e anche le pulizie si terminano in pochissimo tempo senza alcun disagio.
Ci tengo a ricordarti le qualità dei semi di Chia per farti comprendere bene che il loro utilizzo può davvero essere una buona scelta.

Semi di chia e proprietà

I semi di Chia sono i semi di una pianta, la Salvia hispanica, che appartiene alle Lamiacee, la stessa della menta, della lavanda e della salvia comune.
Vengono considerati dei superfood, ovvero alimenti che hanno un contenuto di sostanze preziose per la salute, come vitamine, sali, enzimi, antiossidanti, fibre ecc…, superiore alla media dei cibi.
Pensa che, a parità di peso, questi semi hanno un contenuto maggiore di Omega3 rispetto al salmone, e di calcio rispetto al latte.
Come sappiamo gli Omega3, (il 20% del seme), sono grassi “buoni”, noti per la loro azione protettiva di cuore e cervello e non solo.
Gli omega3 hanno infatti effetti benefici sull’umore, aiutano a contrastare la depressione lieve, riducono i dolori associati ad artrite, artrosi e reumatismi in genere, e, contribuiscono a rigenerare la pelle, potenziare le funzioni cerebrali, prevenire il morbo di Alzheimer e abbassare il colesterolo.
I semi di Chia sono una ricca fonte di fibre alimentari soprattutto solubili, ovvero fibre che nutrono la flora batterica intestinale e regolarizzano l’intestino, quindi adatte sia in caso di stipsi che di diarrea.
Inoltre, la loro azione emolliente le rende utili in presenza di stati infiammatori del tratto gastrointestinale in genere.
Per rendere attive le fibre dei semi di Chia, questi devono essere messi in un liquido come latte, bevanda vegetale, acqua ecc…o nello yogurt per almeno un’ora prima di essere assunti.
I semi assorbono parte del liquido in cui sono immersi (fino a 10-12 volte il loro peso) e diventando gelatinosi: la gelatina che si forma è costituita dalle fibre solubili, ed è in grado di riempire lo stomaco, aumentando il senso di sazietà, e di assorbire parte dei grassi, del colesterolo e degli zuccheri assunti attraverso il cibo, riducendone l’assorbimento.
Importante è anche la presenza degli isoflavoni: queste sostanze sono sia antiossidanti perché contrastano efficacemente l’invecchiamento precoce e i disturbi che lo caratterizzano, sia fitoestrogeni, cioè riducono i problemi dovuti a carenza di estrogeni, così come quelli causati da un loro eccesso.
In linea generale, la donna in pre e in menopausa ne ha bisogno e non di rado li assume attraverso la soia e i suoi derivati: i semi di chia, per la loro ricchezza in isoflavoni, possono essere usati come valida alternativa alla soia da chi è intollerante o allergico a questo alimento, oppure assume farmaci per la tiroide.

dessert-semi-di-chia-latte-di-mandorla-ricetta-facile-salutareerenda-contemporaneo-food
Oltre a grassi buoni e fibre, i semi di Chia si caratterizzano anche per il loro elevato contenuto in calcio (600mg per 100g), circa 5 volte in più rispetto a una pari quantità di latte (125g per 100g).
Poiché questi semi contengono anche magnesio, il loro calcio è più facilmente assimilabile e pertanto possono essere considerai un alimento utile alle donne in pre e menopausa, a rischio di osteoporosi per carenza di calcio, che per problemi di intolleranza o allergia o perché vegane non assumono latte.
100 g di semi di Chia contengono circa 434Kcal.
La quantità massima che si dovrebbe assumere al giorno è pari a 25 g.
I semi di Chia possono essere tranquillamente consumati anche da chi ha intollaranze al glutine, essendone  naturalmente privi.
Niente male…non trovi?
Anche il melograno è un frutto che bisognerebbe mangiare in gran quantità per tutti i suoi vari effetti benefici.
Qui ti lascio il link allo speciale che avevo proposto tempo fa sul blog proprio su di lui per approfondire meglio e saperne di più.

Variante super golosa del Chia pudding con latte di mandorla e chicchi di melograno

Se vuoi una versione ancora più golosa di questo dolcino ti consiglio di provarlo con il latte di cocco se gradisci il suo sapore: anche qui puoi optare per un latte di cocco meno grasso o molto denso e quasi pannoso che darà al Chia pudding un sapore e una consistenza davvero super WOW (non saprei dirti quale versione preferisco…il latte di mandorla della Condorelli per me forse vince su tutto).
Se volessi provare il latte di cocco puoi tranquillamente utilizzare le stesse quantità di latte di mandorla.

Se poi ti piace l’idea del Chia pudding in generale e vuoi sperimentare altre varianti ti consiglio quella all’ananas e quella con caffè che è davvero deliziosa.
Ora ti lascio tranquilla alla lettura del Chia pudding con latte di mandorla e semi di melograno e ti aspetto qui per altre nuove ricette…”che la creatività sia con te!

#INCUCINASTAISENZAPENSIERI

Chia pudding con latte di mandorla e melograno

Cristina Saglietti
Preparazione 15 minuti
Cottura 4 ore
Tempo totale 4 ore 15 minuti
Portata Dessert leggero
Cucina Contemporaneo Food
Porzioni 4

Ingredienti
  

  • n.1 melograno grande e maturo
  • n.8 cucchiai di semi di Chia
  • 400 ml latte di mandorla ho usato quello della Condorelli, ottimo anche il latte di cocco
  • n.1 cucchiaio zucchero di canna o di cocco

Istruzioni
 

  • Per prima cosa versare i semi di Chia nel latte di mandorla: lasciare al fresco per una notte intera (se non è possibile almeno per 4 ore).
  • Pulire i chicchi di melograno e condirli con lo zucchero: lasciarli da parte al fresco.
  • Comporre il pudding facendo uno strato di semi di melograno, uno di semi di Chia al latte di mandorla e uno nuovamente di melograno.

 


RELATED POST

COMMENTS ARE OFF THIS POST

INSTAGRAM
Seguimi su Instagram